•  
  •  
 

Italian Title

Nobilitazione come scelta traduttiva. Il caso di Tre metri sopra il cielo di Federico Moccia nella traduzione polacca

Abstract

In the paper the novel Tre metri sopra il cielo and its Polish translation are analyzed. Different values of the indices of lexical richness of the Italian and the Polish text lead to the further analysis of stereotyped expressions in Moccia’s novel and in the Polish translation. Comparing the most frequent expressions in the semiautomated manner you discover that to every Italian expression, often repeated, correspond several Polish translations. These solutions are classified in Berman’s terms as nobilitation. In parallel, we try to justify the translators’ choice of nobilitation as adequate in case of paraliterature.

Italian Abstract

L’analisi riguarda il romanzo di Tre metri sopra il cielo in italiano e la sua traduzione polacca. Partendo dal differente valore degli indici di ricchezza lessicale nel prototesto e nel testo tradotto viene analizzata la resa in polacco di espressioni stereotipate selezionate con il metodo semiautomatico. L’analisi rivela che alle ripetizioni di Moccia nella traduzione polacca corrispondono piu soluzioni lessicali. In base all’analitica della traduzione di Berman esse vengono interpretate come casi di nobilitazione. Oltre a interpretarlo si cerca di giustificare il ricorso alla nobilitazione nel caso della paraletteratura.

Keywords

indices of lexical richness, Italian-Polish translation, translation analysis, ennoblement as deforming tendence

Italian Keywords

indici di ricchezza lessicale, traduzione italiano-polacco, analisi traduttiva, nobilitazione come tendenza deformante

References

Anthony L., 2014, AntPConc, Waseda University, Tokyo, Japan. Accessibile all’indirizzo: http://www.laurenceanthony.net/software/antpconc/.

Anthony L., 2016, AntConc, Waseda University, Tokyo, Japan. Accessibile all’indirizzo: http://www.laurenceanthony.net/software/antconc/.

Arduini S. & Stecconi U., 2007, Manuale di traduzione. Teorie e figure professionali, Carocci, Roma.

Berman A., 2003, La traduzione e la lettera o l’albergo della lontananza, Quodlibet, Macerata.

De Mauro T., 2007, Primo Tesoro della Lingua Letteraria Italiana del Novecento, UTET (versione elettronica), Torino.

Eder M., Kestemont M. & Rybicki J., 2016, Stylometry with R: A package for computational text analysis, “R Journal” 16(1), pp. 107–121.

Guiraud P., 1954, Les caractères statistiques du vocabulaire : essai de méthodologie, Presses universitaires de France, Paris.

Italia P. & Canettieri P., 2013, Un caso di attribuzionismo novecentesco: il ≪Diario Postumo≫ di Montale, “Cognitive Philology” (6). Accessibile all’indirizzo: http://ojs.uniroma1.it/index.php/cogphil/article/view/11586.

Janner M.C., 2012, Le massaie di Migliorini e di Federico Moccia. Sulla natura linguistica dei marchionimi in Tre metri sopra il cielo, “Onomastica e Letteratura” XIV, pp. 221–232.

Kamińska-Szmaj I., 1990, Różnice leksykalne między stylami funkcjonalnymi polszczyzny pisanej: analiza statystyczna na materiale słownika frekwencyjnego, Wydawnictwo Uniwersytetu Wrocławskiego, Wrocław.

Matt L., 2007, Liala al tempo dei reality: i romanzi per adolescenti di Federico Moccia, “Lingua italiana d’oggi” IV, pp. 243–258.

Ricci L., 2013, Paraletteratura. Lingua e stile dei generi di consumo, Carocci, Roma.

Rybicki J., 2012, The great mystery of the (almost) invisible translator: stylometry in translation, [in:] M. Oakley & M. Ji (a cura di), Quantitative Methods in Corpus-Based Translation Studies, John Benjamins, Amsterdam, pp. 231–248.

Sacchelli O., 2008, Moccia e mocciosi. Rappresentazioni degli adolescenti in Tre metri sopra il cielo e Ho voglia di te, [in:] Narrativa (30), pp. 347–359.

First Page

49

Last Page

59

Language

ita

Share

COinS